Città europea del vino 2019

LA MARCHIGIANA, TENERA E GUSTOSA

IL VITELLONE BIANCO DELL’APPENNINO CENTRALE DELL’AZIENDA AGRICOLA "CLAUDIO FARINA"

È falso che la carne rossa faccia male alla salute. A poterne compromettere la salubrità, sono il luogo in cui il bestiame è vissuto, il frumento, i cereali e l’erba da pascolo con cui quotidianamente si è nutrito. Ecco perché allevatori di rinomate razze bovine si sono consorziati, al fine di certificare – rispettando scrupolosi disciplinari - il benessere dell’animale nel corso dell’intero ciclo di vita, con costanti controlli lungo tutta la filiera: dai seminativi alla crescita del bestiame, dalla macellazione al sezionamento alla commercializzazione. La Marchigiana è una di queste carni. Insieme alla razza Chianina e Romagnola è tutelata dal consorzio "IGP Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale": un marchio d’assoluta garanzia per qualità e tracciabilità del prodotto. Una carne che l’organismo umano assimila facilmente, grazie all’alto tasso di proteine, alle tante vitamine del gruppo B, ai pochi grassi e al tanto ferro. Prelibata, tenera al palato e succulenta nel gusto, dal colore rosso vivo, la bistecca Marchigiana è la preferita dagli amanti della carne di qualità.

Il vitellone bianco dell’Appennino centrale ha un pelo bianco e liscio, il collo corto, la testa possente ma leggera ed è particolarmente vocato per la produzione di carne di pregio. Una razza assai diffusa nelle aree interne del Sannio, oggi fortemente valorizzata e protetta da avveduti allevatori, che con passione e sacrificio contribuiscono al prestigio che riscuote il prodotto sul mercato italiano ed estero.

«Accudiamo il bestiame 365 giorni l’anno, facendolo vivere per lunghi periodi all'aria aperta e sempre nel pieno rispetto del loro benessere» - racconta Claudio Farina, che insieme al marito Claudio ha dato vita alla "Azienda Agricola Farina", dando così continuità ad una tradizionale lavorazione delle carni che nelle zone montuose del Fortore ha radici secolari. «Siamo certi che sia questo il modo sicuro – aggiunge Sandra - per ottenere un prodotto genuino, con eccellenti caratteristiche organolettiche, riconosciute e premiate dagli amanti della carne gustosa e saporita».

Vai al sito web
Città europea del vino 2019